BENVENUTI SUL PORTALE UFFICIALE DELLA VAL DI PEJO
 
Val di Pejo Val di Sole

Sei in: homepage » arte e cultura » chiese in val di peio » santi fabiano e sebastiano

Santi Fabiano e Sebastiano

Chiesa di San Fabiano e San Sebastiano - Celledizzo


La chiesa, dedicata ai Santi Fabiano e Sebastiano, si innalza ai margini del centro abitato di Celledizzo e domina, dal poggio ricavato per ospitarla, le vecchie case del paese ed il fondovalle.
Un portale introduce nel sagrato, delimitato verso valle da un muraglione e verso ovest dal cimitero che un tempo circondava tutta la chiesa. Staccato dalla chiesa si alza il bizzarro campanile a torre, con accanto la piccola cappella di Sant’Antonio.
Le prime notizie sono del 1320, ma, come sostengono Weber e Ciccolini, ha origini più antiche e fu la chiesa matrice di tutte le cappelle della Val di Pejo. Fu ricostruita intorno al 1500: un brano dipinto con una scritta e la data 18 luglio 1506, riportato alla luce dai restauri eseguiti all’interno nel 1974, confermerebbe che già a quell’epoca la chiesa era affrescata. La visita del 1617 ordinò di restaurare la Madonna dipinta sul muro e di prolungare, entro tre anni, la navata verso l’ingresso principale. Un’iscrizione scolpita <P.M.C.C. 1621 A.G.S.> (Weber riferisce <P.M.C. 1621 A.S.P.>) su uno degli scudetti della volta, testimonia che l’ampliamento suggerito fu realizzato. All’inizio del 1800 fu ampliato il presbiterio e costruita la nuova sagrestia: nel 1894 (data presente sulla porta) si eresse, in sostituzione dell’antico, il campanile a torre con balaustra e bizzarri pinnacoli sommitali.
L’esterno della chiesa fu più volte rinnovato. Rimane però, tra il portale laterale e la sagrestia, la bella edicola in pietra, scolpita con delicati motivi decorativi a rosetta, palmette e vasi con rameggi floreali che rivelano il permanere del gusto romanico e gotico in una composizione ispirata alle nuove sollecitazioni rinascimentali. Questa, secondo N. Rasmo, fu erroneamente ritenuta del XIV secolo, mentre è da attribuirsi alle maestranze di provenienza lombarda che lavorarono in Val di Sole intorno alla fine del 1400 e lasciarono a Cogolo un’analoga testimonianza. Nella nicchia centrale era collocata, prima della sua trafugazione, una bella statua lignea, policroma, del XVI secolo, raffigurante la Madonna con il Bambino; nel timpano superiore l’immagine del Padre Eterno che fu dipinta nel 1823 da un Cometti. Visibili sono poi, sulla parete absidale, le tracce di una meridiana ad affresco.
L’interno è a navata unica, suddivisa in tre campate, coperte da volte con costoloni. Le pitture che decorano il presbiterio sono di Stefano Salvetti da Breno che le eseguì nel 1914.
La chiesa accoglie quattro altari: il maggiore, costruito nel 1806, è in marmo policromo, mentre le quattro ancore degli antichi altari sono di legno dorato ed intagliato. Queste ultime, testimonianze significative della produzione altaristica solandra del XVII e del XVIII secolo, sono state purtroppo private in seguito alle trafugazioni del 1979, di gran parte delle decorazioni, delle sculture e dei dipinti che le onoravano.
Addossata alla parete absidale vi è l’ancona dell’antico altare maggiore, realizzata da Simone Lenner nel 1628, come testimonia la data mimetizzata tra le decorazioni del fregio. Weber riferisce che Pietro Antonio Alberti da Bormio la dorò tra il 1636 e il 1637 e che nel 1648 vi intervenne anche Giambattista Bezzi. Al centro dell’ancona vi è una bella pala del 1628 rappresentante la Madonna in gloria tra gli angeli ed i Santi titolari della chiesa, Fabiano e Sebastiano. Le due ancore, di più semplice fattura, collocate in prossimità del presbiterio, sono attribuite alla mano lenneriana e databili ai primi decenni del 1600 (T. Leonardi, 1974). Le due ancore incorniciavano, prima del 1979, due pale raffiguranti il battesimo di Cristo e la Madonna del Rosario. Il quarto altare, privato della sua mensa, ha l’ancona e l’antipendio appoggiati in una nicchia della parete laterale sinistra. Accoglie, al centro, una pala raffigurante l’Addolorata con in grembo Gesù morto, compianto dalle pie donne e i misteri dolorosi attorno. Weber afferma che tale dipinto fu attribuito alla scuola degli Unterperger. Sulla cornice dell’ancona è leggibile l’iscrizione “Victoria amoris D.co B.zi D.io – non plus ultra 1719” che la Leonardi ha così interpretato: “La Vittoria dell’Amore (di Dio), Domenico Bezzi di Giandomenico il meglio che si potesse ottenere 1719”.
Pregevole è la Via Crucis dipinta da Giuseppe Graffonara.
Accanto alla chiesa vi è la piccola cappella di Sant’Antonio, chiamata in passato cappella di San Rocco.
Oggi non resta che l’abside di un’antica chiesetta, detta “baserga”, privata, nel 1893, della navatina per consentire la costruzione dell’attuale campanile. Nel 1616 accoglieva un unico altare e nel 1695 fu giudicata “pervetusta et coloribus destituta” e bisognosa di restauri. L’interno era completamente coperto da affreschi. L’evidente volontà di cancellarli, denunciata dalla fitta martellinatura per l’ancoraggio di un nuovo strato d’intonaco, ha notevolmente compromesso i dipinti, privandoli di molte loro parti. Nei recenti restauri si è provveduto a consolidare e ripulire le pitture della volta e a rimettere in luce ciò che rimane degli affreschi che ornavano le pareti della cappella. Cornici policrome sottolineano le vele della volta a crociera che accoglie le rappresentazioni iconografiche dei quattro Evangelisti, mentre i busti di quattro Profeti si dispongono lungo l’arco santo. Sulla parete opposta all’ingresso, la lunetta è dipinta con una Crocifissione e la superficie sottostante mostra tracce di figure di santi allineati. A sinistra sono visibili brani di una Natività. Sulla parete destra sta una rappresentazione dell’Adorazione dei Magi: nel riquadro sottostante si allineano Sant’Antonio Abate, Santa Apollonia, singolarmente rimpicciolita per dare spazio ad una nicchia del muro, Santa Caterina, San Vigilio e San Bernardino, tutti con i loro attributi. Sotto, un bel drappo dipinto conclude l’affresco. L’iscrizione che Weber leggeva: “Hoc opus f.f. Salvator … Franciscus q. Petri ac Andrea sindicis huius ecclesiae ad honorem … Virginis Mariae et Fabiani et Sebastiani et Rochi, Die III Iunii MCCCCLXXIII”, appare oggi incompleta. I fratelli Giovanni e Battista Baschenis sono i probabili autori dell’affresco.



Descrizione e testi cfr. “Arte e devozione nelle chiese della Val di Sole” Testi di B.Bronzini, D.Primerano, P.Ventrini - Fotografie di L.Cortelletti - Casa editrice Publilux - 1° edizione Trento, dicembre 1983 e “Le chiese della Val di Sole nella storia e nell’arte” di Simone Weber - 1° volume - La Grafica Anastatica - Mori, 1992






PRENOTA LA TUA VACANZA!

Alloggio
Arrivo Partenza
Occupanti per alloggio
N° Adulti N° Bambini
 
 
Cerca
CALENDARIO EVENTI
SETTEMBRE 2017

L M M G V S D
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  


VIDEOGALLERY vedi tutti >


PHOTOGALLERY vedi tutte >


PUBBLICAZIONI vedi tutte >

Lotteria Festa dell'Agricoltura Controlla se hai vinto!...
magazine Val di Pejo estate 2017 Consulta e scarica il Magazine estivo della Val di...
SEGUICI ANCHE SUI SOCIAL